Attualità/Cronaca/Italia/Mondo/Personaggi

#freeRossellaUrru

Sabato ho esultato. In diretta su Twitter ho appreso la notizia della probabile liberazione della cooperante sarda Rossella Urru. Prima notizie confuse da parte della tv araba al-jazeera, poi conferme, poi di nuovo smentite da parte delle autorità italiane. Una girandola di emozioni contrastanti. Ancora oggi, dopo 3 giorni, la Farnesina, non conferma la notizia. … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Cronaca/Italia/Personaggi

«Sono cretiSchettino® e sono sulla nave, non scappato!»

Questa e’ una parte, pregnante, delle molte telefonate effettuate dalla Capitaneria di porto al capitano della nave Costa Concordia, la sera del tragico incidente all’Isola del Giglio. Certo, devo anche dire che al momento non c’e’ conferma che questa e le altre trascrizioni delle chiamate (pubblicate dal sito Il Fatto Quotidiano) siano vere. Rimane il … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Cronaca/Italia

«Lettera di addio per la Costa Concordia»

La Costa Concordia e’sempre stata la mia preferita. Quando e’stata varata, nel 2005, era la prima grande nave battente bandiera italiana e completamente costruita in Italia (Fincantieri di Sestri Ponente). Eravamo tutti “elettrizzati” in quei periodi. Le grandi compagnie navali, dopo il fallimento della Festival, stavano cercando di risollevarsi, cercavano di rendere la crociera un … Continua a leggere

Vota:

Cronaca/Mondo/My opinions

«Non è stato lo tsunami»

Lo tsunami non avrebbe, quindi, colpa per la rottura degli impianti della centrale nucleare di Fukushima. Secondo quanto emerso fino ad ora da indagini governative, quello che ha sempre affermato la Tepco, erano bugie. Simulazioni computerizzate presentate dalla società proprietaria del sito, infatti, non riproducono i tempi esatti tra la variazione del livello dell’acqua e … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Cronaca/Italia/My opinions

La deriva razzista in Italia e la paura del “diverso”.

Gianluca Cassere, 50 anni, da Pistoia. Ricordiamoci di questo individuo. Ricordiamoci di questa faccia. Modou Samb, 40 anni e Mor Diop, 54 anni, dal Senegal. Morti. Ammazzati. Trucidati dal neo-fascista, razzista e xenofobo Casseri. Non facciamo finta di niente. Non nascondiamoci dietro alla solita frase «era pazzo». Perché se lui era pazzo, possiamo chiamare pazzi … Continua a leggere

Vota: