Mondo/My opinions

«Libertà di parola»

È uno dei diritti inalienabili della popolazione: la libertà di parola. Qualche settimana fa, lo scrittore indiano Salman Rushdie è stato “gentilmente” costretto a non presiedere al prestigioso Festival letterario di Jaipur, adducendo come motivazione che “non avrebbero potuto garantire la sua incolumità”. Infatti, lo scrittore che dal 1988 vive con una fatwa sul collo … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Italia/Personaggi/Politica

Habemus Nuovo Governo

Sedici ministri di cui dodici con portafoglio. Il Governo Monti ha 16 ministri più l’interim dell’Economia. Il Governo Berlusconi IV aveva 23 ministri. Le principali differenze sono: Passera ha le deleghe di Sviluppo e Infrastrutture (che erano di Romani e Matteoli); Fornero ha le deleghe di Lavoro e Pari opportunità (Sacconi e Carfagna). Scompaiono i … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Italia/Mondo/My opinions/Politica

La guerra contro Gheddafi

È successo. Di nuovo. In uno Stato nordafricano, questa volta vicinissimo all’Italia. All’Europa. Non si può prendere alla leggera questa guerra appena fuori dalla porta di casa. Non si può rimanere indifferenti, una reazione, nel bene o nel male, bisogna pur averla. La mia, di reazione, è quella della paura. Non incontrollata, no. La mia … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Italia/My opinions/Politica

La Lega Nord dichiara aperta la caccia(ta) all’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali)

La Lega Nord, secondo voi, è o non è un partito razzista e xenofobo? No? È stato avanzato da Senatori della Lega Nord, con la richiesta numero 1.146 all’interno del Decreto “Milleproroghe” che sarà votato a marzo, che l’Unar (un organo voluto dalla Comunità  Europea peraltro), venga chiuso con decorrenza 31 marzo 2011, perché a … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Mondo/My opinions/Politica

Venti di rivoluzione: il fuoco della verità e della libertà cova sotto le ceneri della crisi globale.

Tutto è cominciato da un cerino. Il cerino che ha acceso e, poi, usato per darsi fuoco per protesta il povero ambulante tunisino Mohamed Bouazizi. Come avevo immaginato qualche giorno fa, dopo la “Rivoluzione del pane” in Tunisia, altri Stati, cosìdetti autocratici, sono pronti ad esplodere. Avevo parlato di Egitto, Algeria, Libia. A cui, ieri, … Continua a leggere

Vota:

Attualità/Mondo/My opinions

La pena di morte negli Stati Uniti: una barbarie “democratica” senza fine.

  Esiste anche un Big Mac che non si mangia da Mac Donald’s. Si trova in Oklahoma ed è un edificio bianco e basso:un carcere di massima sicurezza. In questo carcere, nel blocco H, vi è il tristemente famoso “death row“(braccio della morte), dove i detenuti aspettano la loro esecuzione capitale. In questo momento, nei … Continua a leggere

Vota: